Da luglio 2014 al momento in cui viene scritto questo articolo il prezzo del petrolio greggio Brent è crollato da 113$ a 79$ al barile. Un analogo calo del prezzo del petrolio avvenne nel 2008 quando passò da 140$ a 40$ al barile. E come ben sappiamo questo fu l'inizio della recessione economica mondiale da cui, come si sostiene da più parti, non siamo ancora usciti.

Una importante limitazione all'efficienza di conversione delle celle fotovoltaiche è insita nel medesimo materiale fotovoltaico.

Con lo studio n.342-2011/C, approvato dalla Commissione Studi Civilistici dell’8 giugno 2011, il Consiglio Nazionale del Notariato ha approfondito le tematiche relative al comma 2-ter dell’articolo 6 del Decreto Legislativo 192/2005,  introdotto dal Decreto Legislativo 28/2011, in base al quale nei contratti di compravendita e locazione di edifici e singole unità immobiliari deve essere inserita un'apposita clausola con la quale l’acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici.

In data 3 novembre 2011 l'Aeeg ha pubblicato la Deliberazione VIS 99/11 con la quale dispone la chiusura dell'istruttoria conoscitiva, avviata con la Deliberazione VIS 42/11, mediante l'acquisizione, come atto conclusivo, del documento "Relazione in esito all'istruttoria conoscitiva sull'erogazione del servizio di connessione alla rete degli impianti di produzione di energia elettrica da parte dei gestori di rete", allegato alla medesima Deliberazione VIS 99/11.

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) comunica sul proprio portale web che i soggetti che presentano istanza di accesso agli incentivi di cui al Decreto interministeriale 5 maggio 2011 (Quarto Conto Energia) sono tenuti a presentare il certificato antimafia rilasciato dalla Prefettura ovvero dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, della Provincia in cui i soggetti richiedenti hanno la loro sede, riportante la dicitura antimafia, ai fini di quanto previsto dall’art. 67 del Decreto legislativo n. 159 del 2011.

La società giapponese Sharp Corporation ha annunciato di aver ottenuto la più elevata efficienza di conversione di una cella solare: 36,9%.

L’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (Avcp) ha pubblicato la Determinazione n. 6 del 26 ottobre 2011 recante "Linee guida per l’affidamento della realizzazione di impianti fotovoltaici ed eolici".

In data 28 ottobre 2011 l'Aeeg ha pubblicato la Deliberazione ARG/elt 149/11 del 27 ottobre 2011 con la quale da' attuazione di quanto previsto dall'articolo 20 del Decreto interministeriale 5 maggio 2011 (di seguito: Decreto).

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania del 31 ottobre 2011, n.69, è stato pubblicato il Decreto Dirigenziale del 26 ottobre 2011, n.516, dell'Area Sviluppo Economico recante "Art. 12 del decreto legislativo 387/2003: autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di elettricità da fonti rinnovabili. Criteri procedurali".

In data 28 ottobre 2011 è stata pubblicata dall'Aeeg la Deliberazione ARG/elt 148/11 del 27 ottobre 2011 con la quale viene approvato lo schema di progetto del sistema GAUDI'.

In anteprima ad Ecomondo (fiera di Rimini, dal 9 al 12 novembre), Ecolight presenta il primo sistema integrato per la raccolta e lo smaltimento dei moduli fotovoltaici.

Il Gestore Servizi Energetici (GSE) ha reso noto che è di nuovo disponibile il portale per le domande di ammissione al premio per impianti fotovoltaici abbinati ad un uso efficiente dell’energia.

Ai sensi del comma 1 dell'articolo 2-sexies del decreto legge 25 gennaio 2010, n.3, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 marzo 2010, n.41, le tariffe incentivanti, previste per il 2010 dal DM 19 febbraio 2010, sono riconosciute a tutti i soggetti che abbiano concluso, entro il 31 dicembre 2010, l'installazione dell'impianto fotovoltaico, abbiano comunicato, entro la medesima data, all'amministrazione competente al rilascio dell'autorizzazione, al gestore di rete e al GSE la fine lavori ed entrino in esercizio entro il 30 giugno 2011.

Il giorno 11 novembre il Ministero dello Sviluppo Economico rilascia un comunicato stampa in cui il sottosegretario, con delega all'energia Saglia afferma che "la detrazione fiscale del 55% sulle ristrutturazioni edilizie è oggetto di riflessione da parte del Governo. L’efficienza energetica è fondamentale per centrare gli obiettivi obbligatori  europei”.

DOCETpro 2010 è un software di simulazione finalizzato alla certificazione e alla diagnosi energetica degli edifici, come previsto dalle Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica.

Obama ha ben chiaro che la grande sfida che attende gli USA è quella energetica.

Al Nymex di New York i trader che trattano i contratti sul petrolio sui mercati internazionali fanno scommesse a lungo termine, e hanno deciso di investire al rialzo.

Entro il 2010 centinaia di centrali idroelettriche italiane potrebbero fermarsi.

Novità per l’accesso alla professione di certificatore energetico.

Le aziende statunitensi BP Solar e Petra Solar Inc. intendono sviluppare in cooperazione moduli a corrente alternata per impianti di grandi dimensioni.

Dietro richiesta dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani, l'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas ha posticipato al 15 dicembre la data a partire dalla quale i cittadini potranno presentare ai propri comuni la domanda per accedere al Bonus gas.

Scatterà il 1° gennaio 2010 la tariffa elettrica bioraria per i clienti domestici "a maggior tutela", ovvero il 93% delle famiglie italiane.

Dal 02/11/2009 è disponibile per il download la nuova versione di DOCET, software di diagnosi e certificazione energetica degli edifici residenziali esistenti sviluppato da CNR ed ENEA.

La società inglese Quantasol ha annunciato di aver battuto il record di efficienza di conversione per le celle fotovoltaiche che durava da ben 21 anni.

Shangai rivoluziona il trasporto pubblico del suo centro urbano mettendo in circolazione autobus capaci di muoversi senza emettere gas nocivi.

L'azienda italiana Biomedical Tissues (Bt srl) ha depositato da poco il brevetto "Procedimento per la produzione di biopetrolio che prevede l'impiego di CO2 ".
Il processo messo a punto dai ricercatori italiani si basa sull'impiego di alghe, che per natura sono in grado, utilizzando l'anidride carbonica e la luce del sole, di creare sottoprodotti oleici a partire da composti azotati.
Il biopetrolio così estratto può essere utilizzato per preparare a sua volta biodiesel, carbone verde e, in aggiunta, composti impiegabili come materia prima nell'industria alimentare, biomedica, cosmetica e zootecnica.
Per assicurarsi una posizione di leader nella corsa all'idrogeno la Commissione Europea in accordo con l'Industria e la Comunità di Ricerca dell'UE, nell'ambito del partenariato pubblico-privato Joint Technology Initiative (JTI), investirà un miliardo di euro nei prossimi 6 anni nella ricerca, sviluppo e realizzazione di celle a combustibile.
L'obiettivo è quello di creare entro il 2020 un mercato di massa per queste promettenti tecnologie.
La JTI può inoltre essere considerata come il primo esempio pratico delle future iniziative previste dal Piano Strategico Europeo per le tecnologie energetiche.
L'azienda britannica CIP Technologies ha svelato i dettagli delle sue celle termofotovoltaiche (TPV) su cui ha lavorato in collaborazione con la Wafer Technologies e l'Università di Oxford e grazie alle quali ora è la detentrice di un nuovo record d'efficienza.
Tradizionalmente le TPV sono celle in antimoniuro di gallio (GaSb), capaci di sfruttare la radiazione nello spettro dell'infrarosso (radiazione termica) per produrre energia elettrica, con un'efficienza di conversione del 9%.
Questa caratteristica le rende adatte soprattutto nel recupero di calore dagli impianti industriali o nei sistemi di cogenerazione.
Dopo tre anni di ricerca la CIP Technologies è riuscita a perfezionare tali dispositivi raggiungendo un'efficienza del 12%.
Il segreto consisterebbe nel semiconduttore impiegato, non il GaSb, ma il fosfuro di indio (InP) che oltre ad una maggiore efficienza di conversione possiede costi più bassi.
Il gruppo di ricerca stà già lavorando alla seconda generazione di celle TPV per migliorarne design ed efficienza, obiettivo: efficienza superiore al 15%.
E' stato realizzato a Cicerale, nella provincia di Salerno, un nuovo impianto a biogas.
La regione Basilicata lancia la Sel spa per commercializzare direttamente quella parte di metano (7% dell'estrazione in Val d'Agri, 100% in Tempa Rossa) che le aziende estrattive devono lasciare alla regione in virtù degli accordi sottoscritti.
Inizialmente la Sel si occuperà di gas, ma se l'attività si rivelasse proficua potrebbe puntare anche sul'energia elettrica e soprattutto su petrolio.
GAS: nuove regole per ridurre i costi e promuovere la concorrenza.
Modificazione della deliberazione dell'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG) 13 Aprile 2007 N.90/07 in materia di incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici.
Nasce l'ENES - Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, che sostituirà l'ENEA.
Il governo britannico si è prefissato l'obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 dell'80% entro il 2050.
Per raggiungere questo obiettivo dovrà fissare la "dead-line" sull'uso dei combustibili fossili per generare energia elettrica entro il 2030.
Il taglio riguarderà anche le emissioni provocate dai trasporti (automobilistici, aerei e marittimi), e siccome sarà improbabile attuare un taglio così consistente in questi settori, bisognerà compensare con la realizzazione non solo di centrali eoliche, mareali, ma probabilmente di impianti nucleari.
Per il premio Nobel alla Fisica il nucleare "ci vuole" anche se l'energia solare "offre un'alternativa" decisamente valida.
Prima di questa affermazione il fisico italiano si era sempre mostrato cauto riguardo al nucleare, adesso però tornando sull'argomento ha dichiarato che per ridurre della metà, entro il 2050, la CO2 è necessario utilizzare le energie rinnovabili ma anche il nucleare.
L'Università di Oxford vuole riproporre il progetto di frigorifero eco-sostenibile inventato nel lontano 1930 da Albert Einstein e dal suo studente Szilard.
L'eco-frigo utilizza un ciclo di raffreddamento basato su ammoniaca, butano e acqua, ottenuto senza parti in movimento, ma partendo dalla sola introduzione di calore.
L'idea fu scartata dall'industria degli elettrodomestici che preferì puntare sui compressori, più efficienti ma anche più energivori e inquinanti.
Partendo da questa idea base, l'ingegnere Malcom McCulloch, a capo del progetto triennale, punta a riproporre il vecchio progetto quadruplicando l'efficienza e utilizzando altri gas.
L'obiettivo finale è arrivare ad un frigorifero che non abbia assolutamente bisogno di elettricità, al quale basta un pò di energia solare per il funzionamento della pompa del gas.
Secondo il prof. McCulloch è ancora lunga la strada prima che si arrivi ad un prototipo al passo con le efficienze attuali, ma ha già ottenuto la piena approvazione e il plauso di Greenpeace.
Ora tocca solo aspettare.
Un progetto dell'Istituto Geologico Spagnolo (IGME) mira a mappare le zone più adatte al geosequestro dell'anidride carbonica.
Attivo già da un anno, questo progetto individua nelle conche del terziario, bacini sedimentari molto porosi, i siti che possono assorbire con più facilità enormi quantità di CO2 preservandone la conservazione.
Secondo i geologi le conche devono trovarsi a una profondità superiore agli 800 m (dove la pressione è a -80 atm e la temperatura a +30 C°), condizione necessaria affinchè il gas si stabilizzi sottoforma di liquido, facilitando la sua infiltrazione nel terreno roccioso.
In queste condizioni il gas occuperebbe uno spazio 500 volte inferiore a quello a pressione normale e secondo i primi dati il processo nel suo complesso (cattura, trasporto e stipamento) avrebbe un'incidenza sui costi abbastanza contenuta: è stato calcolato, infatti, cha una tonnellata di CO2 costa attualmente 30 euro sul mercato europeo, mentre il procedimento geosequestro della CO2 ne costerebbe tra i 30 e i 35.
 
E' stato stimato (Geological Survey americano) che sotto l'oceano del Polo Nord si nascondono 90 miliardi di barili di olio grezzo e 47.3 biliardi di metri cubi di metano facilmente estraibili.
I paesi che hanno diritto a sfruttare questi giacimenti sono: Stati Uniti, Russia, Danimarca, Groenlandia, Norvegia e Canada.
Recentemente è stato presentato al Commissario Europeo all'Energia il rapporto McKinsey " CCS: Assessing the Economics" sulla cattura e stoccaggio di anidride carbonica in caverne o giacimenti esauriti sotterranei.
Il documento indica che la tecnologia deve essere sviluppata ma ha grosse potenzialità e fissa nel 2030 la data in cui sarà economicamente vantaggiosa senza aiuti pubblici.
Il commissario europeo ha dichiarato la volontà della commissione UE di finanziare in Europa 12 progetti pilota con questa tecnologia, per un totale di 10 milioni di euro, che saranno funzionanti entro il 2015.
Tra il ventaglio di progetti che potrebero ricevere i finanziamenti anche due dell'Enel: Brindisi e Gioia del Colle.
Lo scioglimento dei ghiacciai nell'Artico stà liberando nell'atmosfera milioni di tonnellate di metano che si trovano sotto il fondo marino.
L'allarme è stato lanciato dalle pagine di "The Indipendence".
Il quotidiano britannico riporta, infatti, i dati di uno studio effettuato nel Mare Artico, dove alcuni scienziati hanno scoperto che dal permafrost del Polo Nord, che si stà sciogliendo, fuoriescono milioni di tonnellate di metano, gas ritenuto 20 volte più dannoso della CO2.
Il gas, normalmente imprigionato dal fondo marino ghiacciato, stà raggiungendo la superficie grazie ad una sorta di "camini", piccole aperture create dal progressivo scioglimento dei ghiacci profondi.
L'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha pubblicato un documento di chiarimento sul servizio di scambio sul posto in seguito ai reclami e richieste di spiegazioni, presentate all'AEEG e al GSE, in merito alle modalità con cui le imprese distributrici applicano la delibera n.28/06.
Recentemente a Kassel, in Germania, undici importanti istituti di ricerca europei hanno fondato l'associazione DERlab (European Distributed Energy Resources Laboratories), una nuova associazione indipendente a sostegno dell'integrazione in rete della generazione elettrica distribuita (GD).
Per generazione elettrica distribuita si intende l'utilizzo di un gran numero di sistemi di generazione di piccola e media taglia collegati alla rete di distribuzione per alimentare gli utenti o per supporto alla rete stessa.
Obiettivo di DERlab è quello di individuare criteri di qualità e requisiti comuni per l'interconnessione e la gestione delle risorse rinnovabili.
A loro anche il compito di preparare test e modalità di certificazione.
Il Portogallo ha inaugurato da poco la prima applicazione commerciale di Pelamis, i serpentoni marini di tecnologia scozzese in grado di produrre elettricità con l'energia delle onde.
Il progetto è del consorzio "Ondas de Potugal", formato dall'ente elettrico Energias de Potugal (Edp) in partnership con il gruppo di investimento australiano babcock&Brown e l'impresa portoghese Efacec.
In questa prima fase, che ha richiesto un investimento iniziale di 9 milioni di euro, sono già stati collocati, a 5 Km dalla costa dell'Aguçadoura, tre convertitori da 2.25 MW totali forniti dalla società scozzese Pelamis Wave Power Limited.
La seconda fase del progetto comprende ulteriori 25 macchine per una potenza di 18.75 MW.
Il progetto di Aguçadoura gode inoltre di uno specifico conto energia per il quale all'energia prodotta dai Pelamis viene riconosciuta una tariffa incentivante di circa 0.23 €/Kwh.
Sono previsti altri investimenti del genere in Portogallo data l'enorme potenzialità di sfruttamento dell'energia delle onde.
I Farmers Market, ovvero il mercato degli agricoltori, nati come antidoto "finale" all'aumento dei prezzi di frutta e verdura, stanno riscuotendo un notevole successo nelle grandi metropoli degli Stati uniti.
Ora lentamente anche l' Italia si apre a questa nuova "mania".
E' di qualche giorno fà l'annuncio dell'apertura a Milano, da parte della Coldiretti, del primo Farmers Market metropolitano.
Scopo di questa iniziativa è quello di ridurre al minimo la distanza tra luogo d'origine e quello di vendita dei prodotti in modo da avere il massimo di freschezza e di controllo e, soprattutto, il minimo costo di trasporto e quindi anche di inquinamento.
   
© ALLROUNDER