Il TalTech Power Electronics Research Group ha lavorato per oltre un decennio al miglioramento dell'efficienza delle unità di generazione di energia da fonti alternative.

In condizioni ideali, qualsiasi impianto fotovoltaico fornirebbe elettricità ai consumatori senza problemi. Sfortunatamente, non ci sono condizioni operative ideali per gli impianti fotovoltaici. Fattori ambientali e naturali influenzano le prestazioni di tali sistemi: deposito di sporco (neve, terra, foglie) sulla superficie dei moduli fotovoltaici; ombre lunghe sul generatore fotovoltaico create da una angolazione bassa del Sole.

In genere, per convertire la radiazione solare incidente sul generatore fotovoltaico in energia elettrica utile per i consumatori, è necessario utilizzare un convertitore di rete, che trasforma l'uscita dell'impianto fotovoltaico in corrente adatta agli elettrodomestici, e un dispositivo speciale chiamato power optimizer, che viene utilizzato per minimizzare l'influenza delle condizioni meteorologiche sulle prestazioni degli impianti fv.

Ebbene, i ricercatori del TalTech Power Electronics Research Group hanno compiuto un ulteriore passo avanti sviluppando un dispositivo ibrido che combina i vantaggi chiave degli ottimizzatori di potenza fotovoltaici (pv power optimizer) e dei convertitori di rete. Il primo prototipo è stato creato nel 2016, e dopo tre anni di attività di ricerca e sviluppo, il gruppo di ricerca sta pianificando l'avvio di una produzione di massa di questi dispositivi per gli impianti fotovoltaici residenziali.

I ricercatori stimano che la durata media della vita di questi dispositivi sia di circa 25 anni, la stessa di un modulo fotovoltaico di alta qualità.

 

fonte: PHYS.org

   
© ALLROUNDER