Sono disponibili i dati statistici provvisori sull'energia elettrica in Italia per il 2007.

Questi dati rilevano un aumento dello 0.1% rispetto al 2006 della produzione lorda di energia elettrica in Italia e un aumento del 4.2% dell'energia elettrica ricevuta da fornitori esteri.

L'energia elettrica generata da fonti rinnovabili ha subito rispetto al 2006 un calo del 3.5% nonostante il forte aumento (+39.5%) dell'utilizzo della fonte eolica; questo è dovuto al fatto che la fonte idroelettrica è attualmente la fonte rinnovabile principale.

L'energia elettrica generata da impianti termoelettrici ha subito invece un incremento del solo 1.3% con un forte calo dell'utilizzo dei prodotti petroliferi (-23.9%) a vantaggio del gas naturale e combustibili solidi. 

Questi dati confermano le voci che circolano da tempo, e cioè che la tendenza nei prossimi anni sarà di un aumento della fonte termoelettrica (gas naturale e carbone) e del ricorso a fornitori esteri.

LEGGI

L'eccezionale incremento delle quotazioni internazionali del petrolio e l'elevata dipendenza del sistema energetico italiano dagli idrocarburi ha indotto l'AEEG ad un aggiornamento delle "condizioni economiche di riferimento" per il terzo trimestre 2008.

Dal 1° Luglio le forniture alle famiglie (imprese) registreranno incrementi del 4.3% (6.4%) per l'energia elettrica e del 4.7% per il gas, che si vanno ad aggiungere agli aumenti registrati nei primi mesi dell'anno (+8% per l'energia elettrica e +7% per il gas).

LEGGI

Con la delibera ARG/elt 95/08 l'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas approva le disposizioni di attuazione del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 11 aprile 2008, ai fini dell’incentivazione della produzione di energia elettrica da fonte solare mediante cicli termodinamici.

LEGGI

Con la delibera ARG/elt 99/08, l'AEEG ha approvato il nuovo Testo integrato delle condizioni tecniche ed economiche per la connessione di terzi degli impianti di produzione di energia elettrica.

Suddetto Testo avrà effetti a decorrere dal 1° gennaio 2009.

LEGGI

Terna ha reso disponibili i dati statistici sull'energia elettrica in Italia nel 2007.

Da questi si evince :

  1. La produzione netta di energia elettrica nel  2007 è di 301299 GWh (+0.02%)
  2. La richiesta di energia elettrica per i consumi ha raggiunto il record di 339.9 miliardi di KWh (+0.7%)
  3. In aumento il consumo di gas (+9.3%) che sale al 66% della produzione termoelettrica netta
  4. Diminuisce il contributo delle rinnovabili (-5.4%) per la forte contrazione dell'idroelettrico (-11.4%) dovuta alla scarsa piovosità registrata nell'anno (-30%); in crescita la produzione eolica
  5. In forte calo i prodotti petroliferi (-33.3%); lieve diminuzione del carbone(-0.4%)
  6. La produzione netta nazionale destinata al consumo sale dello 0.4%; in aumento anche l'import (+5%)
  7. La produzione termoelettrica ha coperto il 73.1% del consumo totale, le fonti rinnovabili il 13.6% mentre la restante parte (13.3%) è stata importata.

LEGGI

Nuova diminuzione per le bollette di energia elettrica e gas.
A partire dal 1° luglio, l'AEEG ha stabilito una ulteriore riduzione delle condizioni economiche di riferimento: energia elettrica -1% e gas -7,7%.
In calo anche il Gpl distribuito in rete: -1%.
Per rimanere in testa nella corsa mondiale alle “green carToyota Motor ha annunciato da poco la propria intenzione di perfezionare e applicare la tecnologia fuel cell ad un nuovo modello automobilistico.
In genere il metano grezzo ottenuto da impianti di trattamento delle acque reflue viene bruciato per produrre energia elettrica, ma questo non è l'unico modo per utilizzare tale gas.
Finalmente arrivano con 6 anni di ritardo sui tempi stabiliti dall’articolo 12 del Dlgs 387/2003 (promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili) le linee guida per l'autorizzazione unica.
Per quanto concerne l’obbligo di dotare le unità immobiliari di certificazione energetica a partire dal 1° luglio 2009 in caso di compra-vendita, il Consiglio Nazionale del Notariato fa il punto dei diritti e doveri delle parti, secondo la sua interpretazione.
   
© ALLROUNDER