L'AEEG ha deliberato un aumento delle condizioni economiche di riferimento per il IV trimestre 2008.

L'energia elettrica subirà un incremento dell'0.8% mentre il gas un aumento del 5.8%, per cui dal prossimo 1° ottobre la spesa su base annua delle famiglie aumenterà di 3.7 € per l'energia elettrica e di 61.5 € per il gas.

Questi aumenti sono giustificati con il forte aumento del prezzo del greggio nei mesi precedenti.

LEGGI

Al National Renewable Energy Laboratory (NREL) statunitense è stato raggiunto il record mondiale di efficienza di una celle fotovoltaica.

Grazie all'impiego di fosfuri e arseniuri di Gallio e Iodio è stato possibile raggiungere un'efficienza pari al 40.8%.

Con questa nuova tecnologia infatti la cella fotovoltaica sfrutta una gamma più ampia di frequenze dello spettro solare e così si può utilizzare più energia da convertire in elettricità.

La rivista "R&Magazine" ha segnalato il primato come una tra le 100 scoperte più innovative del 2008.

Un team di studenti del MIT studiando la proprietà di alcuni organi vegetali di reagire a stimoli luminosi incurvandosi nella direzione degli stimoli stessi, è riuscito a mettere a punto dei moduli fotovoltaici "passivi" in grado di seguire il sole nel suo percorso attraverso il cielo, senza alcuna alimentazione elettrica per il controllo del movimento.

Le celle sono state montate su di un arco ricurvo in acciaio e alluminio sensibile alle varie modificazioni della temperatura.

E così il sistema proposto si è dimostrato in grado di muoversi lungo un asse dettato dalla temperatura, piegandosi e inclinandosi nelle diverse direzioni.

Modifica della delibera n.42/02 in materia di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in cogenerazione.
Leggi

L'Unione Produttori Biodiesel (UPB) ha presentato recentemente il progetto MAMBO (MicroAlghe: Materia prima per BioOlio), il cui obiettivo è studiare le colture massive di microalghe da impiegare nella produzione di biodiesel.

Misura dell'energia elettrica prodotta da impianti di generazione e in materia di misura dell'energia elettrica prodotta e immessa da impianti di produzione Cip 6
 
M.O.R.E. (Market of Olive Residues for Energy) è un progetto, finanziato dalla Commissione Europea, che ha come obiettivo principale quello di incrementare l'utilizzo dei residui solidi del processo di lavorazione dell'oliva per produrre energia.
Il progetto coinvolge 5 paesi produttori di olio: Italia (Liguria), Spagna, Grecia, Croazia, Slovenia per il tramite di diverse istituzioni e organizzazioni locali.
Lo sfruttamento della sansa per produrre energia è già effettuato con successo in altri paesi; in Italia i casi sono ancora pochi, quindi questo progetto potrebbe acquisire rilevanza nel panorama nazionale.
 
Si tratta di una torre in grado di aspirare l'anidride carbonica dall'aria.
Questo aspiratore funziona grazie ad un processo chimico-termodinamico: l'aria aspirata viene messa a contatto con particelle di idrossido di sodio, le quali provocano la scissione della CO2 presente.
E' stata progettata e realizzata all'Università di Calgari (Alberta, Canada) dal professor Keith e da un'equipe di scienziati e tecnologi.
Questo impianto si basa su una tecnica che è ben diversa da quella cosiddetta "Carbon Capture and Storage": quest'ultima preleva l'anidride carbonica ai camini di centrali elettriche o industrie dove si trova in alte concentrazioni (10%) mentre la prima la preleva direttamente dall'aria (concentrazione 0.04%).
Il prototipo richiede 100 kWh per tonnellata di CO2 estratta, questo significa che, usando una centrale elettrica a carbone per alimentarla, per ogni unità di elettricità prodotta per farla funzionare, si cattura CO2 dieci volte di più di quella emessa.
I primi risultati sarebbero incoraggianti.
E' la centrale energetica solare di nuova generazione ideata e progettata dal settore Ricerca dell' Enel e dall' Università di Pisa.
Tecnicamente Diamante è una sfera di 8m di diametro, con una base di 4m, dotata di 38 pannelli fotovoltaici al silicio policristallino disposti sulla calotta superiore e nel lato orientato a sud.
La superficie rimanente è coperta da 42 pannelli di vetro con una funzione protettiva.
All'interno sono alloggiate tre sfere (diametro 2m) che servono da serbatoi per l'idrogeno utilizzato per stoccare l'energia elettrica quando non è utilizzata.
L'elettricità che produce può coprire il fabbisogno energetico di 4 appartamenti.
Il Diamante è inoltre una struttura smontabile e rimontabile su cui si potranno sperimentare i più evoluti sistemi fotovoltaici, man mano che lo sviluppo tecnologico li renderà disponibili.
 
Il pesante indebitamento di Gazprom sta convincendo le autorità russe ad allentare le leggi che avevano ridimensionato la presenza occidentale nei settori strategici.
   
© ALLROUNDER