L'energia eolica è l'energia cinetica posseduta dal vento.
Trattandosi di un fenomeno non costante in termini di potenza e direzione, legato alla morfologia del territorio e dell'ambiente, è possibile localizzare gli impianti eolici solo in determinate zone.
I rilevamenti anemometrici sono l'unico strumento atto a stabilire un quadro generale per l'installazione di un sistema eolico e possono durare anni.
E' stato dimostrato che solamente il 59.3% della potenza del vento può essere trasformata da una macchina eolica.
Una resa maggiore è impossibile dal momento che il vento dovrebbe teoricamente ridurre a zero la sua velocità dopo il suo passaggio all'interno della macchina eolica.
L'energia cinetica del vento viene convertita da turbine eoliche (rotori) in energia meccanica di rotazione che a sua volta viene utilizzata da aerogeneratori per produrre energia elettrica.

Gli aerogeneratori possiedono un sistema di controllo delle pale che svolge la duplice funzione di "moltiplicatore di giri" e "sistema frenante", affinché le pale rimangano entro le soglie di velocità minima e velocità massima.
Un superamento di queste soglie infatti comporterebbe un'interruzione nella produzione di energia elettrica.
In funzione della potenza degli aerogeneratori, i sistemi eolici sono suddivisi in 4 categorie:

   1. piccola taglia ( P<100 Kw)
   2. media taglia (100<P<800 Kw)
   3. taglia intermedia ( 800<P<1000 Kw)
   4. taglia grande ( P>1000 Kw)

   
© ALLROUNDER